Villa Margherita, avviati i lavori della Piscina Terapeutica Riabilitativa

Lavori in corso a Villa Margherita per ampliare la gamma dei servizi. La storica Clinica riabilitativa vicentina a breve avrà al suo interno una piscina terapeutica riabilitativa per il trattamento delle principali patologie ortopediche e neurologiche.
La piscina terapeutica sarà realizzata grazie anche ad una donazione (un cofinanziamento del 50%) della Fresco Parkinson Institute Italia Onlus, Associazione che ha come obiettivo la coordinazione delle attività del network dei sei centri d’eccellenza italiani dedicati alla ricerca e alla cura dei disordini del movimento, di cui Villa Margherita fa parte. L’altro 50% dell’intervento è stato finanziato dalla stessa casa di cura che è entrata di recente a far parte del Gruppo Kos. Il gruppo opera nel settore della riabilitazione con la realtà del Santo Stefano Riabilitazione e nel settore della psichiatria con “Neomesia”. Le attività di Villa Margherita sono ormai parte integrante dei percorsi sviluppati dai due brand.

I lavori sono iniziati a fine dicembre 2018 e termineranno entro sei mesi. La piscina sarà installata nel reparto di Medicina Riabilitativa denominato “Laghetto”, perchè un tempo sede di un piccolo lago artificiale, oggi prosciugato. Di pari passo con il cantiere di realizzazione della piscina terapeutica, saranno avviati dei corsi per la formazione dell’equipé che ci lavorerà, composta da fisioterapisti e medici fisiatri. Gli argomenti dei corsi di formazione verteranno sull’idroterapia, applicata alle principali patologie ortopediche e neurologiche con l’insegnamento dei relativi protocolli che i terapisti andranno ad attuare.

L’utilizzo della piscina non sarà solo rivolto ai pazienti ricoverati presso la Struttura, ma anche a pazienti esterni, attraverso un’attività ambulatoriale. “Inoltre - spiega il dott. Daniele VolpeResponsabile dell’Unità riabilitativa - con la piscina saranno avviati dei protocolli di studio “Under-Water” con sistemi di valutazione tridimensionali subacquei, dove si andrà ad analizzare tutte le modificazioni cinematiche, spazio-temporali ed elettromiografiche che avvengono nel movimento in acqua, in ambiente micro-gravitario".

La realizzazione della piscina è alla base di un ambizioso studio sperimentale che verrà condotto dal Centro Santo Stefano Villa Margherita e dall’Ospedale Moriggia Pelascini di Gravedona per la valutazione dell’efficacia dell’idroterapia nel trattamento dei disturbi assiali nella malattia di Parkinson. A monte di questa sperimentazione ci sono alcuni studi scientifici già condotti sugli effetti dell'Idroterapia sull'equilibrio, pubblicati su riviste scientifiche dallo stesso Dottor Volpe e che hanno dimostrato che l’idroterapia risulta essere una strategia riabilitativa efficace per il trattamento dei disturbi assiali, compresi i problemi dell’equilibrio (o Instabilità posturale), tanto temuti nei malati di Parkinson perché sono spesso causa di cadute e di fratture che, come quella al femore, possono segnare l’inizio di una serie di successive conseguenze negative.

 

 

 


2019-02-09