Tanti i progetti del Santo Stefano per affiancare alla riabilitazione fisica e cognitiva anche opportunità di riacquisire la maggiore autonomia possibile

Ogni anno il 3 dicembre si celebra la Giornata internazionale delle persone con disabilità, proclamata nel 1981 con lo scopo di promuovere i diritti e il benessere dei disabili.

Dopo decenni di lavoro delle Nazioni Unite, la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, adottata nel 2006, ha ulteriormente promosso i diritti e il benessere delle persone con disabilità, ribadendo il principio di uguaglianza e la necessità di garantire loro la piena ed effettiva partecipazione alla sfera politica, sociale, economica e culturale della società.

La convenzione - che invita gli Stati ad adottare le misure necessarie per identificare e eliminare gli ostacoli che limitano il rispetto di questi diritti imprescindibili (art. 9, accessibilità) - si focalizza sulla necessità di garantire condizioni che consentano di vivere in modo indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli aspetti della vita e dello sviluppo.

Il problema più grave è la perdita di autonomia. Nei percorsi riabilitativi del Santo Stefano Riabiliazione questo aspetto è importante e trova riscontro in diversi progetti legati al territotio di appartenenza portati avanti in questi anni centrati proprio sul concetto dell'inclusione e del recupero dell'autonomia. 

Ecco alcune storie ed esperienze raccolte: 

 I pazienti del Centro Cardinal Ferrari a bordo del catamarano Stella

La casa domotica di Porto Potenza Picena

Il Ritorno alla Guida in sicurezza

La Montagna Terapia

IL Teatro 

Progetti di inclusione scolastica 

Sport

 

 


2019-12-03