Morbo di Alzheimer, cos'è, quali sono i sintomi e come si cura

È stata definita l'epidemia silente del ventesimo secolo. L’Alzheimer è una malattia neurodegenerativa altamente impattante sull'individuo e sulla sua famiglia. La perdita di sè è un evento sconvolgente che interrompe relazioni e sconvolge abitudini di vita: non riconoscere gli altri, non essere riconosciuti, ha conseguenze invalidanti nella vita quotidiana e ripercussioni assistenziali pesanti che gravano il più delle volte sui famigliari.

Il 21 settembre si celebra la Giornata mondiale dell’Alzheimer, istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Alzheimer Disease International (ADI) proprio per sensibilizzare le persone su questa malattia. 

Video realizzato prima del DPCM del 4 marzo 2020.

Cos’è l’Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Si manifesta con la perdita di memoria e di altre abilità che, in modo progressivo, vanno ad interferire con la vita quotidiana della persona.
Non a caso l'Alzheimer è definita la "malattia delle quattro A": perdita di memoria (amnesia); incapacità di esprimersi e comprendere (afasia); incapacità di identificare correttamente gli stimoli, riconoscere persone, cose e luoghi (agnosia); incapacità di compiere correttamente alcuni movimenti volontari e azioni semplici quotidiane come vestirsi (aprassia).

Anche se è una malattia che aumenta il suo rischio di insorgenza con l’aumentare dell’età non va confusa con  la demenza senile. La maggior parte dei casi vengono riscontrati intorno ai 65 anni, ma può esserci anche insorgenza anticipata tra i 40 e 50 anni. Qual è allora la differenza tra demenza e Alzheimer?Il termine demenza indica una condizione clinica caratterizzata da deterioramento della cognitività in vari ambiti, tra i quali in particolare la memoria, in grado di interferire nello svolgimento delle normali attività della vita quotidiana. La malattia di Alzheimer è una forma di demenza, quella di più frequente riscontro nella pratica clinica. Oltre alla malattia di Alzheimer esistono altre forme di demenza quali ad esempio la demenza vascolare, la demenza frontotemporale, la demenza a corpi di Lewy. In termini generali quindi si può parlare di “Demenze” per indicare tutto il variegato gruppo di queste condizioni patologiche che, pur essendo simili e spesso non differenziabili almeno nelle prime fasi della malattia, presentano tra loro diversità di ordine eziologico, sintomatologico, anatomopatologico e terapeutico. 

Come affrontare al meglio la malattia di Alzheimer

La malattia prende il nome da Alois Alzheimer, neurologo tedesco che la diagnosticò nel 1907 durante un'autopsia. Il medico notò segni particolari nel tessuto cerebrale di una donna che era morta in seguito a una insolita malattia mentale: la presenza placche amiloidi e di viluppi neuro-fibrillari. Erano gli effetti sui tessuti nervosi dell'Alzheimer, una malattia di cui ancora oggi non si conoscono le cause (fonte ISS).

I sintomi dell'Alzheimer

Quali sono i sintomi dell'Alzheimer e come possiamo riconoscerli?
Alcuni campanelli di allarme da non sottovalutare:

  • difficoltà nell’apprendere nuove informazioni o richiamare alla mente informazioni precedentemente apprese (ci si dimentica anniversari, appuntamenti, compleanni, i familiari si lamentano che si fanno sempre le stesse domande o si ripetono spesso le stesse cose, mettere gli oggetti i posti inconsueti, accusare gli altri di aver rubato gli oggetti che non si trovano)
  • perdita della capacità di riconoscere luoghi o percorsi familiari e sul piano temporale non saper indicare la data corrente, il mese e l’anno (il cosiddetto disorientamento spazio-temporale)
  • difficoltà ad esprimere un concetto o a comprenderlo (non riuscire a trovare la parola giusta, non riuscire a seguire una conversazione troppo lunga, iniziare un discorso ed interrompersi a metà perché non si ha idea di cosa si volesse dire o di come proseguire
  • difficoltà crescente nello svolgere una determinata attività quotidiana ed usuale (qualsiasi attività appare più complessa con conseguente perdita graduale dell’autonomia, difficoltà ad organizzare e pianificare la giornata, seguire tutti i passaggi di una ricetta, non ricordare le regole di un gioco, perdita di concentrazione)
  • difficoltà di prendere decisioni, di esprimere un giudizio
  • presenza di apatia, diminuzione della motivazione nel compiere azioni che prima venivano svolte con piacevolezza con conseguente ritiro sociale (si dorme più del solito, si passa la maggior parte del tempo a casa a fissare il vuoto o a guardare la tv, assente la motivazione a frequentare gente o ad iniziare delle conversazioni)
  • cambiamenti del tono dell’umore e della personalità: presenti stati d’animo quali tristezza, ansia, insicurezza, ci si sente sicuri solo nel proprio ambiente familiare
  • difficoltà a capire le immagini visive e i rapporti spaziali, difficoltà a leggere, a definire un colore o un contrasto, anche la percezione del proprio corpo allo specchio è alterata, l’immagine riflessa potrebbe essere percepita come un’atra persona (allucinazione visiva).

Esami per la diagnosi dell'Alzheimer

Esistono test per aiutare il medico (neurologo o geriatra) a diagnosticare la malattia di Alzheimer ed escludere altre possibili patologie che portano a sintomi analoghi.
A partire da esami clinici, come quello del sangue, delle urine o del liquido spinale, ai test neuropsicologici per misurare la memoria, la capacità di risolvere problemi, il grado di attenzione, la capacità di contare e di dialogare.
E poi gli esami radiologici Tac e RMN encefalo così come tecniche di neuroimmagine più sofisticate. Si tratta di indagini utili a determinare con maggiore precisione la tipologia di demenza.

Le fasi della malattia di Alzheimer

Nelle sue fasi iniziali, la perdita di memoria è leggera, ma nella fase avanzata le persone perdono la capacità di relazionarsi con gli altri e con l’ambiente che li circonda.

Nella fase lieve, solitamente amici, familiari o colleghi di lavoro iniziano a notare alcune stranezze e difficoltà. Occorre richiedere una visita accurata, i medici possono essere in grado di rilevare problemi di memoria o di concentrazione (ad es. evidenti difficoltà a trovare la parola; problemi a ricordare i nomi quando vengono presentate nuove persone; dimenticare cose appena lette…).

Nella fase moderata, le lacune nella memoria e nel pensare diventano evidenti, le persone cominciano ad avere bisogno di aiuto per svolgere le attività quotidiane. In questa fase, chi è affetto dal morbo di Alzheimer potrebbe: non essere in grado di ricordare il proprio indirizzo o numero di telefono; dimenticare la scuola superiore o l'università presso la quale si è laureato; confondersi sul luogo in cui si trova; avere difficoltà a ricordare il giorno o la data attuale; avere problemi con l’esecuzione di facili calcoli matematici; non riconoscere l’abbigliamento adeguato per la stagione.

Nella fase avanzata di declino cognitivo grave, possono aver luogo: cambiamenti di personalità; le persone hanno bisogno di notevole aiuto per svolgere le attività quotidiane, come mangiare o andare in bagno; si perde la consapevolezza delle esperienze più recenti e di ciò che li circonda; difficoltà a ricordare il proprio nome, a riconoscere le persone, a perdersi per strada.

Come si cura l'Alzheimer

Anche se attualmente non esiste una cura, con una diagnosi precoce si può agire per rallentare temporaneamente il peggioramento dei sintomi della demenza e migliorare la qualità della vita delle persone colpite e di chi le assiste.

Accanto alla diagnosi precoce un ruolo fondamentale lo svolge la riabilitazione cognitiva per rallentare il deterioramento, riattivare le capacità residue e migliorare la qualità di vita.

Nelle terapie non farmacologiche rientra la terapia di orientamento alla realtà (ROT) finalizzata ad orientare il paziente rispetto alla propria vita personale, all’ambiente e allo spazio che lo circonda tramite stimoli continui di tipo verbale, visivo, scritto e musicale. Importante anche il counselling da fornire ai famigliari per facilitare la giornata del paziente. 

Ci sono poi alcuni farmaci che possono alleviare i sintomi e in alcuni casi rallentare la progressione della patologia. La terapia della malattia di Alzheimer può comprendere anche farmaci antidepressivi, ansiolitici, ipnotici e antipsicotici.

La Pet Therapy aiuta?

La Pet Therapy può essere di aiuto ai malati di Alzheimer. Uno degli ambiti in cui la “pet therapy” trova maggior spazio ed efficacia è quello delle strutture assistenziali per pazienti geriatrici e con diversi livelli di demenza.
Gli stimoli cognitivi e motori che vengono generati dal contatto e la relazione con il cane sono legati al “prendersi cura”, quindi la ripetizione di attività come: dare da mangiare, portare a passeggio, spazzolare il cane. Compiti che sono strettamente connessi alla motivazione a fare. Uscire per la passeggiata all’esterno ed interagire con il cane consentono di mettere in moto processi più complessi, come ad esempio provare un percorso intorno alla struttura e ricordare la strada.

Diversi studi scientifici hanno rilevato come l’animale funge soprattutto da “stimolo sensoriale”, “supporto emozionale” e “catalizzatore sociale”.

Vengono segnalati il miglioramento del tono dell’umore e l’aumento delle interazioni sociali spontanee ed infine, un aumento, nel lungo termine, dell’attività motoria e della reattività emotiva.

Prevenire l'Alzheimer

Prevenire la malattia di Alzheimer si può. Ecco alcuni preziosi consigli su come prendersi cura di sé e del proprio cervello per invecchiare bene:

  1. Mantenersi sempre attivi. Non fermarsi. Per tenere viva la mente è fondamentale dedicarsi anche dopo la pensione a qualche hobby o partecipare ad attività ricreative o sociali come la pittura, il giardinaggio o, perché no, il volontariato.
  2. Allenare la mente. Il cervello deve essere mantenuto acceso, perciò la comunità scientifica ritiene che la lettura, i cruciverba e il gioco con i nipotini facciano bene.
  3. Evitare di fumare. Secondo l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), smettere di fumare riduce il rischio di demenza: l'incidenza della patologia è più alta tra i 65enni che fumano, mentre è più bassa tra gli ex-fumatori e chi non ha mai fumato.
  4. Evitate lo stress il più possibile. La demenza spesso colpisce chi ha subito delle forti tensioni emotive causate da situazioni come il pensionamento, la perdita del coniuge, l'uscita dei figli da casa, per questo è importante cercare di mantenere vivi i propri interessi, distrarsi, socializzare e prendersi cura di sé.
  5. Mangiare in modo sano. L'Oms consiglia di ridurre per esempio il consumo giornaliero di sale, passando dagli attuali 9-12 grammi a 5 grammi per adulto al giorno. Ciò facilita il mantenimento della pressione sanguigna a un livello non pericoloso per la salute. Ancora è importante bere pochi alcolici.
  6. Occhio alla depressione e al diabete. Depressione e diabete sono fra le patologie che sembrerebbero aumentare il rischio di demenza. Vanno diagnosticate e curate.
  7. Prendersi cura del cuore. La salute del cuore sembra essere legata allo sviluppo delle demenze tanto che l'Oms consiglia ai governi un aumento della copertura terapeutica a favore degli anziani di 50 anni il cui rischio di un attacco di cuore o ictus nei 10 anni successivi sia superiore al 30% o di chiunque abbia già avuto un attacco?di cuore o ictus.
  8. Attenzione ai cedimenti di memoria. Una cosa è l'invecchiamento normale, un'altra quello patologico. Se notate che un vostro anziano inizia ad apparire disorientato, ad avere comportamenti bizzarri e inusuali, improvvisi sbalzi d'umore, o se capita a volte che non ricordi che giorno o che anno è, o non ritrovi la strada di casa, chiedete la consulenza del neuropsicologo.

Alzheimer e Covid, gli effetti del lockdown

Le restrizioni imposte dal lockdown hanno indotto un peggioramento dei disturbi comportamentali nei pazienti affetti da demenza. Lo dimostra la ricerca “Behavioral and psychological effects of Coronavirus disease-19 quarantine in patients with dementia” del Gruppo di Studio sul COVID-19 della Società Italiana di Neurologia per le demenze (SINdem), una survey su 4.913 familiari di persone affette da demenza seguite in 87 Centri specializzati in tutta Italia, i cui risultati sono stati appena pubblicati su Frontiers Psychiatry.

Dallo studio è emerso che, a un mese dall’inizio della quarantena, il 60% dei pazienti ha subito un peggioramento dei disturbi comportamentali preesistenti o la comparsa di nuovi sintomi neuropsichiatrici. Inoltre un quarto dei casi questa nuova condizione è stata tale da richiedere la modifica del trattamento farmacologico. In generale i sintomi riportati più frequentemente sono stati l’irritabilità (40%), l’agitazione (31%), l’apatia (35%), l’ansia (29%) e la depressione (25%).
Il tipo di disturbo neuropsichiatrico prevalente è risultato essere influenzato da variabili tra cui il tipo di malattia che ha causato la demenza (Malattia di Alzheimer o altre forme) e la sua severità, nonché dal genere sessuale. Ad esempio, avere una Malattia di Alzheimer ha aumentato il rischio di un incremento di sintomi d’ansia e depressione nelle fasi lievi e moderate di malattia e soprattutto nel genere femminile.

Anche i familiari dei pazienti hanno risentito in modo significativo degli effetti acuti del lockdown con evidenti sintomi di stress in oltre il 65% degli intervistati. Gli effetti dell’isolamento indotto dal lockdown, con i cambiamenti della routine quotidiana e la riduzione di stimoli emotivi, sociali e fisici, hanno rappresentato un detonatore per l’incremento rapido di disturbi neuropsichiatrici tra le persone più a rischio quali sono gli anziani con deterioramento cognitivo.

I dati emersi vanno ora considerati in funzione della riorganizzazione dei servizi assistenziali per le patologie neurodegenerative che dovrà tenere conto della necessità di monitoraggio clinico e del supporto a distanza in modo continuativo e flessibile in base allo scenario epidemiologico futuro.

Questa prima analisi dei dati ha riguardato una parte della ricerca del gruppo di studio SINdem che ha valutato anche le conseguenze acute del lockdown sul peggioramento cognitivo e sulle performance fisiche (i cui risultati saranno pubblicati a breve).
I pazienti con Alzheimer manifestano inizialmente sintomi quali deficit di memoria, soprattutto per fatti recenti, e successivamente disturbi del linguaggio, perdita di orientamento spaziale e temporale, progressiva perdita di autonomia nelle funzioni della vita quotidiana che definiamo come “demenza”. A tali deficit spesso si associano problemi psicologici e comportamentali, come depressione, incontinenza emotiva, deliri, agitazione, vagabondaggio, che rendono necessario un costante accudimento del paziente, con un grosso peso per i familiari che svolgono un ruolo importantissimo (fonte SINdem)

Alzheimer Fest 2020

Nonostante l'emergenza sanitaria, Alzheimer fest non si è fermato e ha proposto un'edizione 2020 carica di messaggi e riflessioni. L'evento, tenutosi a Cesenatico dall'11 al 13 settembre, ha avuto un significato ben preciso, come si legge sul sito dell'evento: "Ritrovarsi comunque, non per indorare la pillola amara dell’Alzheimer, ma per ricordare e ricordarci che il cammino verso una società più libera e amica delle persone con demenza continua ed è ancora più necessario dopo la tempesta di questi mesi".

Il cortometraggio "È l'Alzheimer, bellezza!" racconta la storia di Gianni Zanotti, un uomo fuori dall'ordinario.
Fotografo, assistente nello studio di Federico Patellani, sindacalista, scrittore, studioso, viaggiatore, cittadino attivo e abituato a parlare in pubblico davanti a centinaia di persone, adesso annovera l'alzheimer fra gli accadimenti della sua vita.
Quello che lo rende straordinario è la sua capacità di reazione a tale diagnosi e la grande consapevolezza di ciò che gli sta accadendo, tanto da elaborare una strategia di difesa, come in una battaglia.
Se accanto a lui non ci fosse la sua Claudia, però, nulla potrebbe succedere, poiché la loro simbiosi è parte fondamentale della terapia.

Il cortometraggio "È l'Alzheimer, bellezza!".

 

 

a cura di Rosaria Frisina, web content manager Gruppo Kos
2020-09-18